Il suo nome è  Dagger ed è un cane pittore che dipinge quadri per accontentare i suoi i fan e sostenitori  su Internet.

 

Dagger crea capolavori colorati di arte astratta tenendo il pennello tra le zanne ed indossando un berretto rosso, tipico dei pittori.
Il labrador ha cominciato ad apprezzare la pittura grazie alla professione della sua proprietaria, l’artista Yvonne Dagger.

Tutto il ricavato va all’associazione Canine Companions for Independence che si occupa di addestrare i cani per l’assistenza degli anziani e dei disabili. Al momento ha raccolto più di mille dollari.

 

L’identificazione gioca un ruolo importante nella psicologia gurdjieffiana. Compare molte volte nei libri di Ouspensky Frammenti di un insegnamento sconosciuto e La psicologia dell’evoluzione possibile per l’uomo.

Affinché un gioco di prestigio riesca a ingannare un pubblico, è necessario che il trucco sia invisibile, e a tal fine il prestigiatore suscita nello spettatore uno stato di sospensione dell’incredulità.Lo stato di sospensione dell’incredulità nell’llusione è spesso più confortante dello scoprire i segreti del prestigiatore.

Cerchio o Ellisse? – E’ così che ci fottono! Di Mason Massy James